Ultimi ascolti...

mauro paternò?!

08 marzo 2007

Il mio mantra pomeridiano

Tutti abbiamo una collega folle, nessun ufficio è escluso da tale inevitabile legge cosmica. Non so io cosa ho fatto nella mia vita precedente per meritare questo, ma devo avere sicuramente commesso qualcosa di terribile.
La folle si sta per sposare e questa è la cronaca di un quarto d'ora di uno dei tremendi pomeriggi che mi tocca sopportare attualmente.

Telefonate in continuazione con il fidanzato (tale Mauro) e mamma/sorella/amiche varie.
Controlla sui siti internet in tempo reale l'aggiornamento della lista nozze.
Riporto alcuni stralci di conversazione.

(h. 17.10)
Hanno appena preso le pentole Lagostina e il set di mestoli con lo sbucciapatate alla lista Euromarket!

...anche le sei tazzine da tè!


...e pure la zuccheriera e lattiera dell'Alessi.

Penso che ogni 15 minuti ci siano sue telefonate per aggiornare moroso/mamma/non-so-chi sull'andamento degli acquisti per il matrimonio da parte degli sventurati che sono invitati.
Dopo la telefonata di aggiornamento col negozio.
Col quale comunque è collegata via internet per controllare minuto per minuto chi-sta-comprando-cosa per lei.

Non ne posso più.

Questa volta è appena toccato a Mauro, che ha appena obbligato a chiamare non so chi.
Mauromauromauro, aspetta [finge di parlare in silenzio ma ovviamente è udibilissima]
Per favore chiama tu daidaidaidaidai tipregotipregotiprego
tipregotipregotiprego tipregotipregotiprego

...tredici quattordici quindici sedici diciassette diciotto...

Non so cosa stia contando ma è impegnata a sgranare un udibilissimo rosario di cifre, intervallato da

AH - UH - E ME NE MANCANO ANCORA - PORCA PUTTANA - SONO BEN DI PIU' - EH - OH - IH - SI', QUESTO... - HIHIHIHI HO SBAGLIATO I CONTI - SIIIIIIIIIIIII...

Un folle soliloquio.

Se domani non mi vedete sui giornali come suo assassino avviate pure le pratiche per la mia canonizzazione.

...volevo dirti che in ufficio da me siamo in 47... [pregustando i soldi di quei poveri deficienti che le faranno un regalo per il suo fottutissimo matrimonio col quale sta sfracellando i maroni a TUTTI]

entra ed esce 2000 volte dalla stanza, digita calcoli sulla calcolatrice contabile (quella rumorosa, ovviamente, con il foglietto tipo scontrino che viene fuori).

...Voglio dire, ma scusa, 168 euro cosa gli costava prendere qualche altra cosa per fare cifra tonda.

...Mi sa che alla fine la lavatrice non me la regala nessuno e mi regalano tutti il TV al plasma.

...e via così.

Io cerco di resistere.

Ripeto mentalmente, cercando di soffocare gli istinti omicidi: Il Signore è il mio pastore.
Il Signore è il mio pastore.
Il Signore è il mio pastore.
Il Signore è il mio pastore...

, , , .

2 commenti:

Anonimo ha detto...

prova a dirle: lo sai perché il giorno del matrimonio è considerato il più bello della propria vita? perché tutti gli altri non saranno così...!

Anonimo ha detto...

forte!!!! pensavo che la mia fede (Federica) fosse l'unica a dire stupidate tuttamattina sull'organizzazione del suo matrimoccolo. Devo dire che lei però riusciva anche a fare tre lavori contemporaneamente.
Era (ora E' sposata e pure ha levato le tende verso altri lidi lavorativi, in questi giorni) impegnatissima a dimostrare la sua Cultura, smanettando su siti d'Arte per farmi vedere i Quadri acquistati..."Varda....varda....te piaseo?????".
Meglio della foto sul desktop con fiffo&fiffo in spiaja (Maurisciuss). Lui ha una panzetta niente male...
Ciao vecio, mi sono sbellicata!!!
colibrì