Ultimi ascolti...

mauro paternò?!

23 febbraio 2006

How Nerdy Are You?


I am nerdier than 32% of all people. Are you nerdier? Click here to find out!

Ho trovato, sul sito di un tizio che fa i temi per Seamonkey/Firefox, un link interessante.

A che serve? A misurare il proprio tasso di nerdaggine...

Per la cronaca, il mio coefficiente di nerdiness è solo al 32%, cioè, secondo la definizione degli autori del test, "not nerdy, but definitely not hip".

Ho alcuni amici che dovrebbero provare e
secondo me raggiungerebbero punteggi ben più alti...
Basta cliccare sul banner col punteggio.

.

13 febbraio 2006

The brave beginner

Free Image Hosting at ImageShack.us
Un piccolo souvenir dall'allenamento sui roller di sabato.
Era un passo incrociato a velocità normale, purtroppo la vicinanza all'obiettivo ha fatto sfocare il soggetto, nonostante l'ottima funzione "sport" della mia Fuji Finepix S3000 per fermare i soggetti in movimento.
Se non altro si vede che ho imparato a fare qualcosa sui pattini in linea...

, .

12 febbraio 2006

Otto Mesi In Residence - The Artist strikes back




L'Artista (Alessandro Langiu) ha debuttato con il suo nuovo spettacolo sabato scorso a Roma. Ho avuto modo di vederlo in anteprima a Padova nel novembre del 2005 e credo che sia venuta fuori una cosa intrigante.

Il tema del lavoro è il primo caso di mobbing mai giudicato in Italia, posto in essere dall'Ilva di Taranto nei confronti di alcuni dipendenti, confinati per mesi in una palazzina vuota senza alcuna mansione o compito, o strumenti per lavorare. I dipendenti vittime del mobbing hanno subito seri danni psicologici a causa della loro condizione. L'Artista è da sempre attento all'impatto dell'Ilva sul sistema ambientale e socioeconomico di Taranto.

Le date sono QUI.

Ovviamente sono in continuo aggiornamento.

In bocca al lupo all'Artista per la sua nuova avventura.

, , .

08 febbraio 2006

Un applauso al ventriloquo

Sembra incredibile che ieri Berlusconi rilasciasse, subito dopo l'arresto in Turchia dell'assassino di don Santoro (il prete missionario), questa dichiarazione: "L'Italia e l'Europa non devono cadere nella trappola della provocazione dei terroristi. Va respinto ad ogni costo lo scontro di civiltà. Procedere su una forte contrapposizione sarebbe suicida. Con l'Islam è necessario il dialogo. La Turchia è un esempio e deve entrare nell'UE" (la frase è riportata anche su Metro di oggi).
Com'è possibile che il genio che ha parlato sempre in passato del rapporto con i Paesi islamici in termini di scontro di civiltà (storica la sparata della superiorità dell'occidente sull'Islam) e che giusto l'altro ieri si scagliava contro i magistrati proprio con toni di forte contrapposizione si sia improvvisamente convertito ad una linea, se non morbida, almeno meno dura?

Probabilmente si è deciso ad ascoltare qualche consigliere più avveduto, cosa che non ha mai fatto in passato. La stonatura della dichiarazione riportata sopra con la conoscenza che abbiamo del Berlusconi-pensiero (mi scuso per l'ossimoro) è infatti evidente, macroscopica, assordante.
Perché per una volta non ha fatto la solita sparata a caldo, senza previa riflessione, pregna di pregiudizi e idee retrive.

Come mai questa inversione di rotta rispetto al modus agendi cui - purtroppo - ormai ci ha abituati?

Semplice: si sarà deciso a seguire, per una volta, i consigli dei suoi consulenti per l'immagine.
Ma perché lo ha fatto, invece di lanciarsi nel solito trip egomaniaco (di grandezza)? La risposta è una sola, inequivocabile.
Sa che il rischio di perdere è consistente, è disperato ed è disposto a tutto pur di vincere, compreso l'atto estremo di negare sé stesso.
Un atto che di certo a uno come lui sarà costato moltissimo.

L'ennesimo segnale del suo declino.

Che goduria.

, .

06 febbraio 2006

Arrivano le chicche

Grazie agli accorti insegnamenti del mago, sono riuscito a personalizzare un po' la barra di destra, inserendo alcuni link a chicche secondo me di certo interesse, tipo un sacco di applicazioni open source che possono affrancare qualsiasi winzozz user dalla schiavitù delle applicazioni della casa di Redmond. Va da sé che sono tutte gratuite, il che le rende ancora più appetibili.
Poi, cedendo alla mia recente passione per il pattinaggio in linea, ho messo il banner (un po' troppo vistoso, lo so, ma vedrò di modificarlo in seguito) dei Pattinatori del Pincio. Per chi non lo sapesse, il Pincio è un parco di Roma. Il ragazzo che ha creato e mantiene il sito è uno dei pattinatori che si incontrano da anni ogni mercoledì sera a Roma, in Piazza del Popolo per pattinare in compagnia e divertirsi insieme. Scoprii questo sito per puro caso e, al di là dell'impaginazione un po' naif, ho apprezzato moltissimo la buona volontà del tizio, che lo ha farcito di numerose informazioni sul pattinaggio in linea: abbigliamento, nozioni tecniche sulla manutenzione dei rollerblade, tecniche di base e avanzate di pattinaggio e street, esercizi da fare per imparare con filmati, disegni esplicativi, informazioni sulle associazioni di pattinaggio in tutta la penisola... tutto è stato sistematizzato e riportato nelle pagine. Per me, quando decisi di cominciare a pattinare partendo da zero - e senza conoscere nessuno che fosse già esperto - è stato un ottimo punto di partenza.
Magari può esserlo anche per qualcun'altro.