Ultimi ascolti...

mauro paternò?!

08 febbraio 2006

Un applauso al ventriloquo

Sembra incredibile che ieri Berlusconi rilasciasse, subito dopo l'arresto in Turchia dell'assassino di don Santoro (il prete missionario), questa dichiarazione: "L'Italia e l'Europa non devono cadere nella trappola della provocazione dei terroristi. Va respinto ad ogni costo lo scontro di civiltà. Procedere su una forte contrapposizione sarebbe suicida. Con l'Islam è necessario il dialogo. La Turchia è un esempio e deve entrare nell'UE" (la frase è riportata anche su Metro di oggi).
Com'è possibile che il genio che ha parlato sempre in passato del rapporto con i Paesi islamici in termini di scontro di civiltà (storica la sparata della superiorità dell'occidente sull'Islam) e che giusto l'altro ieri si scagliava contro i magistrati proprio con toni di forte contrapposizione si sia improvvisamente convertito ad una linea, se non morbida, almeno meno dura?

Probabilmente si è deciso ad ascoltare qualche consigliere più avveduto, cosa che non ha mai fatto in passato. La stonatura della dichiarazione riportata sopra con la conoscenza che abbiamo del Berlusconi-pensiero (mi scuso per l'ossimoro) è infatti evidente, macroscopica, assordante.
Perché per una volta non ha fatto la solita sparata a caldo, senza previa riflessione, pregna di pregiudizi e idee retrive.

Come mai questa inversione di rotta rispetto al modus agendi cui - purtroppo - ormai ci ha abituati?

Semplice: si sarà deciso a seguire, per una volta, i consigli dei suoi consulenti per l'immagine.
Ma perché lo ha fatto, invece di lanciarsi nel solito trip egomaniaco (di grandezza)? La risposta è una sola, inequivocabile.
Sa che il rischio di perdere è consistente, è disperato ed è disposto a tutto pur di vincere, compreso l'atto estremo di negare sé stesso.
Un atto che di certo a uno come lui sarà costato moltissimo.

L'ennesimo segnale del suo declino.

Che goduria.

, .

Nessun commento: